Comunicare

Posizionare
24 agosto 2018
Biodiversità dell’ambiente
1 settembre 2018

Quanti sono i prodotti tipici italiani Dop e Igp?

di Federico Formica

Sono 809 le certificazioni di qualità del nostro Paese tra vini, carni, formaggi e oli italiani certificati, per un giro di affari da miliardi di euro.
Il cibo italiano è il primo al mondo. Non è un luogo comune ma una realtà certificata dai numeri. Il nostro Paese è infatti il numero uno per certificazioni di qualità Dop, Igp e Stg. L’ultimo censimento del ministero per le Politiche Agricole è del 2 dicembre 2016. E dice che 286 tra carni, formaggi, oli e prodotti della terra e 523 vini vengono realizzati seguendo un rigido disciplinare, con materie prime tracciate e con metodi tradizionali. Tutto controllato da organismi indipendenti.Il primato dell’Italia è indiscusso, ma l’unico Paese che – escludendo il vino – gli si avvicina superando i 200 prodotti tipici è la Francia con 226, seguita da Spagna (185), Portogallo (133) e Grecia (102). Resta indietro la Germania, il big dell’economia europea che quando si tratta di inventare prelibatezze culinarie deve accontentarsi di un misero quinto posto (84 marchi ottenuti). Tutti i dati risalgono al dicembre 2015 e si trovano nel rapporto qualità realizzato dalla fondazione Qualivita insieme a Ismea.

Ma cosa si intende, più precisamente, per Dop e Igp? Entrambi sono marchi di qualità riconosciuti dall’Unione Europea su richiesta dei Paesi membri e tutelati da tentativi di contraffazione. Dop significa “denominazione di origine protetta” mentre Igp è l’acronimo di “indicazione geografica protetta”.

A una prima impressione la differenza può sembrare minima, ma è sostanziale: le Dop devono essere fatte interamente nell’area geografica indicata dal disciplinare, cioè il testo che stabilisce come dev’essere realizzato il prodotto fino al più piccolo dettaglio. Le materie prime, la loro trasformazione, i processi produttivi: in una Dop niente di tutto ciò può provenire o avvenire al di fuori di un’area ben delimitata. Queste aree possono essere estese (il Parmigiano reggiano ad esempio può essere realizzato in 5 province) o più ristrette come nel caso dello zafferano de L’Aquila, che può essere raccolto e confezionato solo in pochissimi borghi.
La sostanza è: quella tipicità può essere prodotta solo in quel territorio. Chiunque può provare a riprodurre un prosciutto o un formaggio tipico, l’importante è non tenti di imitare la denominazione originale.

Nei prodotti a marchio Igp basta che una sola fase del processo produttivo avvenga nell’area descritta dal disciplinare. È il caso, ad esempio, dello Speck Alto Adige: la carne può provenire da suini di tutta Europa. A rendere unica la Igp sono i processi di stagionatura e affumicatura. A margine ci sono anche i prodotti Stg (specialità tradizionale garantita) in cui il livello di tutela è però molto più basso. In Italia solo pizza napoletana e mozzarella si fregiano di questo marchio che però è semi-sconosciuto dal grande pubblico.

Per l’Italia il comparto del cibo certificato ha un notevole impatto economico: il valore dell’export delle Dop e delle Igp è di 2,8 miliardi di euro, con Germania e Stati Uniti come principali mercati di sbocco. Nel 2014 il valore di tutti i prodotti tipici Dop e Igp al consumo è stato di 13,2 miliardi di euro.

Cifre così elevate ingolosiscono anche i produttori meno onesti. Secondo Euipo, l’ufficio Ue per la proprietà intellettuale, i falsi prodotti Top e Igp venduti in tutto il mondo fanno perdere all’Italia 680 milioni di euro e all’Europa 4,3 miliardi. La contraffazione può assumere diverse forme: c’è chi riproduce il logo Dop o Igp in etichetta, chi chiama “Parmigiano”, “Pecorino romano” o “Prosciutto di Parma” formaggi e prosciutti realizzati da tutt’altra parte e con altri metodi, chi imita goffamente i nomi italiani ingannando la clientela meno esperta. L’ultima “perla” viene dal Regno Unito, dove una catena di supermercati ha messo in vendita il Tè al Prosecco. Una tisana – analcolica – venduta al costo di 1,89 sterline per quindici bustine. La notizia ha fatto infuriare il consorzio del Prosecco, che ne ha chiesto l’immediato ritiro dal mercato.
I prodotti certificati infatti godono di una tutela internazionale e in caso di contraffazione le autorità locali sono obbligate a intervenire.

food,sapevatelo,alimentazione,italia

Una fase della marchiatura del prosciutto crudo di Parma. Fotografia di Giuseppe

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Centro delle preferenze sulla privacy

Google Analytics

Utilizzato per inviare dati a Google Analytics in merito al dispositivo e al comportamento del visitatore. Tiene traccia del visitatore su dispositivi e canali di marketing.

_ga, _gid, _gat

Chiudi il tuo account?

Your account will be closed and all data will be permanently deleted and cannot be recovered. Are you sure?